Vuoi avere maggiori informazioni? Contattaci al 340 0648044 O scrivici a info@dottdarioborreca.it
Giorni di disponibilità : dal lunedì al venerdì
<

LE RAGADI ANALI

La ragade anale è un’ulcera dell’anoderma, nel 90% dei casi localizzata posteriormente lungo la linea mediana del canale anale. La causa è da ricercarsi nell’ipertono dello sfintere interno, che conducendo ad un’ischemia locale, non permette la cicatrizzazione dell’area. Sono spesso primitive, ma possono essere associate anche a patologie mediche quali il morbo di Crohn, la sifilide, o neoplasie. La ragade anale può essere acuta o cronica (presente per un lungo periodo di tempo). Quelle croniche presentano spesso associato il cosiddetto nodulo sentinella, determinato da una crescita infiammatoria del tessuto distalmente alla ragade.

SINTOMATOLOGIA

Il sintomo tipico è il dolore, soprattutto dopo la defecazione, con durata fino ad alcune ore. Spesso è presente anche sanguinamento. La diagnosi è clinica, ed è sufficiente l’esplorazione rettale, associata ad eventuale proctoscopia.

TRATTAMENTO

La terapia iniziale deve mirare a risolvere il sintomo doloroso, che risulta essere quello più invalidante. A questo scopo, sono molto utili i semicupi caldi. La terapia medica prevede l’integrazione dietetica di fibre, con una ricca idratazione. Normalmente vengono associate terapie topiche con pomate allo scopo di favorire la riepitelizzazione, ed il rilassamento della muscolatura sfinterica diminuendo l’ipertono, e facilitando quindi la guarigione. Una ragade che non riesca a rispondere ai trattamenti conservativi necessita di un intervento chirurgico mirato a ridurre l’ipertono mediante la sezione dello sfintere interno (sfinterotomia) e a favorire la guarigione della ragade stessa (anoplastica).

Figura 1 – sfinterotomia laterale

La guarigione completa, sia con terapia medica sia chirurgica, può richiedere fino a circa 6-10 settimane. Il dolore acuto dopo trattamento chirurgico spesso scompare dopo alcuni giorni. La maggior parte dei pazienti saranno in grado di riprendere le attività quotidiane in pochi giorni dopo l’intervento chirurgico.

IMMAGINI

S.D. Wexner,Colon and Rectal Surgery: Anorectal Operations, 2012 Lippincot

Vuoi avere maggiori informazioni?

  Contattaci